Iscriviti alla newsletter

Usare Instagram per Lavoro: Consigli Utili per Brand e Aziende

Usare Instagram per Lavoro e Business

Bentornato sul Blog Cepar, stavolta per Instagram!

Abbiamo da poco chiuso un piccolo capitolo su come usare al meglio Facebook per lavoro. Ora vogliamo provare ad affiancare Instagram e lavoro, a ormai 4 anni dall’acquisizione della piattaforma da parte di Facebook.

Instagram e lavoro: l’utilità, i pregi, i limiti. E ancora, consigli su come usare Instagram per far crescere la tua attività. Nelle prossime righe cercheremo di affrontare questi aspetti, resta con noi!

Usare Instagram per Lavoro: sì, ma…

Hai mai messo una pallina di gelato su un piatto di lasagne? O degli scarponi da sci sulla fine distesa sabbiosa di un’isola paradisiaca? Ecco, la risposta è no. Per lo meno, si spera che lo sia.

Parlare di Instagram e di come utilizzarlo per la crescita della propria attività richiama automaticamente due temi. La bontà degli accostamenti e l’importanza dell’utilità delle azioni.

Buono con buono non significa sempre buonissimo, così come bello non significa utile. Questo è Instagram, in tutto il suo essere sorprendente potenziale e sconcertante possibile flop per l’azienda che provi a sedurlo “perché di moda”.

Quindi il primo passo se pensi di usare Instagram per far crescere la tua attività è conoscere meglio la piattaforma. Soltanto dopo potrai valutare se è la scelta giusta per promuovere il tuo lavoro e come utilizzarla per far crescere il tuo brand.

Proviamoci, insieme.

La Forza dei Contenuti Visivi su Instagram, a portata di #Hashtag!

Instagram può essere una risorsa di grandissimo valore per promuovere il tuo lavoro, offrire visibilità alla tua attività e sviluppare la notorietà del tuo marchio. Questo innanzitutto perché è una piattaforma basata su contenuti visuali.

Immagini, Infografiche e Video assomigliano ai fatti: contano più di tante parole. E non è il riadattamento digitale di uno stralcio di saggezza popolare: è la pura e semplice realtà, supportata da ricerche e numeri. I principali (Fonti: Blog Hubspot e Forrester):

  • un’informazione accompagnata da immagini rilevanti viene ricordata in maniera più completa, +55 %;
  • contenuti con immagini rilevanti (uniche, particolari, curiose, d’impatto emotivo) ottengono il 94% in più delle visualizzazioni;
  • 1 minuto di video vale più di 1.800.000 parole.

Insomma, sulla carta Instagram sembra essere davvero un ottimo strumento per creare campagne di comunicazione di successo.

Mettiamoci anche che è in grande sviluppo, che gli hashtag sono in piena ascesa e che Instagram è una piattaforma hashtag-centrica: un hashtag popolare associato ad un post o un’immagine offre significative maggiori possibilità di visibilità. Per il tuo messaggio di prodotto, di marca, aziendale.

Grazie agli hashtag con Instagram puoi raccontare la tua storia e inserirla in un “palinsesto tematico”, un flusso di messaggi e contenuti dedicati ad un particolare argomento, magari particolarmente popolare in quel dato momento. Starà vicino ad altre storie simili, pronta per essere letta da un pubblico sulla carta molto interessato a quel tipo di racconto.

Domanda: è una motivazione sufficiente per salire a bordo? Per rendere Instagram una scelta buona e utile per far crescere il tuo business?

Portare il tuo Business su Instagram: l’importanza degli Hashtag

Instagram è sicuramente una grande opportunità di business, ma non per tutti. Vediamo perché.

Instagram nasce nel 2010 come applicazione iOS. Il suo scopo era dare la possibilità di migliorare la bellezza, il lato artistico e la qualità delle fotografie attraverso filtri speciali, cornici ed effetti di vario genere. Successivamente si apre al mondo Android, ai Windows Phone, alla possibilità di pubblicare video che oggi possono durare fino a 60 secondi, alle recentissime Instagram Stories.

Uno dei passaggi cruciali nella trasformazione da applicazione a Social Network con potenzialità di business è lì a metà, datato 2011. Sono gli hashtag.

Attraverso l’introduzione degli hashtag, infatti, Instagram è riuscito a radunare delle piccole grandi tribù di persone. Gruppi con stili di vita o passioni affini. Dagli animali a vari tipi di forme d’arte, dall’amore per il cibo a quello per la moda. E poi ancora viaggi, musica, fanatismo verso una certa celebrità. Fino all’interesse per categorie di prodotto, prodotti specifici. Fino alle marche.

Il 50% delle persone che usa Instagram segue almeno una marca. Il 70% degli hastag più popolari è ricollegabile a un brand. 90 dei 100 marchi più popolari al mondo ha un account su Instagram. (Fonte: Brandwatch).

Come mai? Perché al centro di ogni conversazione su Instagram c’è un interesse comune tra più utenti. Ecco che i brand più importanti hanno intuito e colto l’opportunità: proporsi e proporre messaggi d’intrattenimento, prodotto, marca come interesse comune.

Instagram per il tuo Lavoro: non è tutto Hashtag ciò che luccica

Il punto è: la tua attività, il tuo prodotto, le tue qualità interessano o hanno la stoffa per interessare i tuoi clienti potenziali? Esiste una tribù pronta ad accoglierti e a seguirti? Amanti delle scarpe, della moda, del cibo?

Se la tua attività appartiene a un settore o a determinate categorie merceologiche, su Instagram puoi avere un buon vantaggio iniziale: un potenziale gruppo audience di maggiori dimensioni, avere maggior facilità nel costruire storie interessanti. Di contro però avrai a che fare con un maggiore affollamento, competizione più agguerrita nella corsa all’attenzione.

Se invece ti occupi di cose meno sexy, puoi comunque sfruttare Instagram con successo per il tuo lavoro. Prima però devi essere certo che il tuo pubblico d’interesse sia raggiungibile attraverso la piattaforma. Poi, non da meno, devi essere veramente bravo a costruire storie genuine, accattivanti e collegabili agli hashtag più popolari. Che sono temi o sentimenti, situazioni o format narrativi, tattiche di comunicazione per emergere. In una parola, valori.

Ricordati sempre il presupposto per sfruttare al meglio Instagram per il tuo business: devi costruire intrattenimento centrato su valori credibili rispetto a quello che sei e quello che fai.

Ma non è tutto.

InstaCHI? Il Target Instagram è adatto al tuo Business?

Instagram può aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di lavoro. Perché è basato su contenuti visivi, favorisce la circolazione di ogni storia attraverso le hashtag-tribù. Perché intrattiene in maniera leggera. Perché è un insieme di mondi–interessi reali traslati sul digitale.

Instagram però dimostra delle caratteristiche specifiche che non lo rendono una piattaforma propriamente trasversale. Innanzitutto il pubblico.

Instagram conta su oltre 500 milioni di utenti attivi ogni mese, l’80% dei quali risiede al di fuori degli Stati Uniti, circa 9 milioni in Italia. Sono prevalentemente giovani-adulti under 35, senza netta distinzione tra maschi e femmine (ma a lieve prevalenza femminile in Italia). Prestano attenzione alle mode per sentirsi al passo con i tempi e hanno una capacità di spesa prevalentemente contenuta. (Fonti: Wired, Digital Information World e PewInternet)

Instagram per Lavoro: Conclusioni e Suggerimenti Finali

Se nel cluster di pubblico indicato intravedi più opportunità che limiti, ricordati che l’obiettivo primario per far crescere la tua attività con Instagram deve essere intrattenere e coinvolgere. Questo significa:

  • scegliere di non entrare su Instagram se pensi che basti pubblicare qualche foto carina per generare nuove vendite o visite al sito. Devi anzi prevedere d’investire tempo e denaro per ideare e sviluppare un piano strategico basato sui contenuti, dedicato al canale o integrato rispetto a tutto quanto tu stia già facendo (Instagram non è Facebook, nè Twitter, serve un approccio diverso!);
  • proporti in maniera efficace: oltre ai due punti precedenti, avere attenzione e cura di una serie di specifiche su immagini e contenuti ideali per il tuo spazio Instagram;
  • essere efficiente, evitando di sprecare risorse nella produzione di contenuti esclusivi che siano diversi dalle fotografie;
  • fai degli hashtag il centro della tua strategia. Cerca quelli più funzionali, collega le tue storie a hashtag di luogo. Usali anche per trasportare le persone dal mondo reale ai tuoi presidi digital e social;
  • ricordati i buoni principi già introdotti parlando di quantità e qualità dei contenuti pubblicati su Facebook.

Come sempre: obiettivi chiari, analisi della situazione e strategia sono i requisiti necessari per ottenere buoni risultati. E se non ti senti pronto per trovare e seguire la tua direzione, non esitare a contattare professionisti di Social Media Marketing, che ti aiuteranno a studiare una strategia vincente per il tuo business.

A presto sul Blog Cepar!

By Stefano Caironi

Consulente di Strategia e Creatività di Comunicazione, Copywriter. Mi occupo di Branding e Storytelling, Digital e Social Media, Marketing. Appassionato di pubblicità, musica e cavalli.

Shares